Giuliana De Blasio, Elisabetta Sisti e Francesca Giocondo vincono il concorso Donna Sport – l’Atleta piu’ brava a scuola

04 Luglio 2012

Elisabetta Sisti (2 class.), Manuela Di Centa, Giovanni Malagò, Giuliana De Blasio (1 class.), Diana Bracco, Paola Pigni, Francesca Giocondo (3 class.)

(Roma, 4 luglio 2012) – A pochi giorni dall’inaugurazione delle Olimpiadi Londra 2012, è giunto al traguardo il progetto Donna Sport di Bracco. Lanciata un anno fa, l’iniziativa aveva l’obiettivo di valorizzare la figura della donna in ambito sportivo, cercando anche di diffondere tra le giovani i valori positivi dello sport come strumento di crescita personale. Del progetto, realizzato con il patrocinio della Fondazione Candido Cannavò per lo sport, faceva parte anche il concorso nazionale “L’Atleta più Brava a Scuola”, dedicato alle giovani sportive (tra i 16 e i 20 anni) che con sacrificio portano avanti gli studi (erano richiesti la media dell’8 e un ottimo curriculum sportivo).

Il concorso ha riscosso un grande successo: sono stati 216 i curricula delle atlete arrivati da ben 67 Province italiane in rappresentanza di 26 sport: atletica, pallacanestro, pallavolo e nuoto le discipline più rappresentate, ma anche calcio, pattinaggio, canottaggio e golf hanno avuto una buona presenza.

Le tre vincitrici: Giuliana De Blasio, Francesca Giocondo ed Elisabetta Sisti

Ad aggiudicarsi i premi del Concorso Nazionale (un soggiorno di studi a Londra, un Tablet e un buono acquisto di libri) sono state: Giuliana De Blasio de L’Aquila, Elisabetta Sisti di Castel Madama (Roma) e

Francesca Giocondo di Nocera Superiore (Salerno).

Una menzione speciale ha ricevuto Diletta Carli, nuotatrice della nazionale italiana che ha vinto nella staffetta 4×200 ai Campionati Europei 2012 con Federica Pellegrini e che parteciperà ai prossimi Giochi Olimpici.

Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato tra gli altri Manuela Di Centa (Campionessa olimpica, Membro Onorario del Cio e Membro Giunta CONI), Paola Pigni (ex atleta e campionessa di atletica leggera), Giovanni Malagò (Membro Giunta CONI e Presidente Circolo Canottieri Aniene), Sabatino Aracu (Presidente FIHP), Giorgio Scarso (Presidente FIS), Renato di Rocco (Presidente FCI) e Diana Bracco (Presidente Gruppo Bracco).

Pigni, Malagò, Scarso, Aracu e Di Centa durante il dibattito

“La nostra iniziativa”, spiega Diana Bracco Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Bracco, “ha sfatato il luogo comune che studio e sport non sono compatibili. Le tante partecipanti e soprattutto le vincitrici, hanno dimostrato che questo legame più che possibile è davvero un binomio vincente. Infatti, l’impegno e la determinazione che le giovani atlete mettono nell’attività agonistica sono gli stessi che le accompagnano nella vita di tutti i giorni”.

“L’attenzione per le donne e i giovani è inscritta da sempre nel codice genetico della nostra azienda e sostanzia il nostro modo di intendere la responsabilità sociale d’impresa”, continua Diana Bracco, “Siamo convinti, infatti, che lo sport svolga un ruolo cruciale nell’accompagnare la crescita dei ragazzi. Uno sport inteso come palestra di vita e veicolo di valori positivi”.

Valori come: Rispetto, Lealtà, Impegno, Merito, Correttezza, Responsabilità, Amicizia, Determinazione, Solidarietà, Trasparenza, Tolleranza, Dedizione, Generosità, Sportività, Dialogo, Fiducia, Creatività, Comprensione, Integrazione, Fair play. Tutti valori nei quali il Gruppo Bracco crede con

convinzione.

Monica Guerritore legge “Divina”

Per diffondere questi valori Bracco nei mesi scorsi ha realizzato, sempre nell’ambito del progetto Donna Sport, il concorso “Vota Il tuo Valore”, che ha avuto uno straordinario successo. Via internet sul sito www.donnasport.it e in occasione di 5 eventi sportivi al femminile svoltisi in diverse città d’Italia il pubblico ha scelto i suoi valori preferiti tra i venti braccialetti colorati ciascuno dei quali aveva inciso un valore. I più gettonati dai giovani sono stati: l’amicizia (con il 12% dei consensi), il rispetto (11,2%) e la lealtà (9,66%).

Per ciascuna delle cartoline riconsegnate con cui gli spettatori hanno votato il valore dal quale si sentivano più rappresentati nello sport, Bracco ha devoluto 1 euro alla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus per il reparto Maternità e Neonatologia presso l’Ospedale pediatrico NPH Saint Damien in Haiti, dove ogni anno 5.000 mamme e i loro bambini trovano assistenza e salvezza in un paese dove il tasso di mortalità materno e infantile è tra i più alti al mondo (www.nph-italia.org).

Durante la serata, l’attrice Monica Guerritore ha reso omaggio alla figura della tennista Suzanne Lenglen, con un reading tratto dal libro “Divina” di Gianni Clerici.


La fotogallery della serata.


Il video finale consuntivo del progetto